No hate. No violence
Races? Only one Human race
United We Stand, Divided We Fall

Radio Islam

Know Your enemy!
No time to waste. Act now!
Tomorrow it will be too late


English

Franç.

Deutsch

Arabic

Sven.

Español

Portug.

Italian

Russ.

Bulg.

Croat.

Czech

Dansk

Finn.

Magyar

Neder.

Norsk

Polski

Rom.

Serb.

Slov.

Indon.

Türk.

Non colpevole a Norimberga

Le argomentazioni della difesa



di Carlos Whitlock Porter


Parte 1 - Parte 2 - Parte 3




PREFAZIONE

La revisione della storia è vecchia quanto la storia stessa.

Gli Annali di Tacito (vx, 38) accennano ad esempio ad una "diceria" secondo la quale Nerone avrebbe incendiato Roma. Questa "diceria" fu ripetuta da altri storici romani come un "fatto certo" (Suetonio, Nero, v 38; Dione Cassio, Epistulae, lxii 16; Plinio il Vecchio, Naturalis Historia, xvii 5).

Poi gli storici posteriori misero in dubbio questo "fatto certo", e lo relegarono a semplice "diceria".

Nel 1946 fu considerato come un "fatto certo" che i nazisti avevano fabbricato sapone con il grasso umano (I 252 [283]; VII 597-600 [656-659]; XIX 506 [566-567]; XXII 496 [564]).

Poi gli storici posteriori misero in dubbio anche questo "fatto certo" e lo relegarono a semplice "diceria". (R. Hilberg, The Destruction of the European Jews, edizione definitiva riveduta, Holmes and Maier, New York 1985, p. 966: "Fino ad oggi, l'origine della diceria del sapone umano resta ancora sconosciuta.")

Questa "diceria" è di origine sovietica (prova URSS 393). Al Palazzo della Pace de L'Aia c'è un grande vaso di presunto "sapone umano", che però non è mai stato sottoposto ad una perizia medico-legale. I funzionari del Palazzo lo mostrano ai turisti sbalorditi, ma, a quanto pare, non rispondono alle lettere delle persone che vorrebbero farlo sottoporre ad un esame scientifico.

Nel 1943 si diffuse la "diceria" che i nazisti uccidessero gli Ebrei in camere a vapore, elettriche, a vuoto d'aria e a gas (vedi ad es. The Black Book: The Nazi Crime Against the Jewish People. Jewish Black Book Committe, New York 1946, pp. 270, 274, 280, 313. Questo libro fu presentato come "prova" alla commissione del processo di Norimberga).

Nel 1946, le "camere a gas" si trasformarono in un "fatto", mentre le camere a vapore, elettriche, e a vuoto d'aria, rimasero mere "dicerie". (N.B.: le "camere a vapore" furono "confermate" al processo contro Oswald Pohl, NMT IV 1119-1152).

Tuttavia le "prove" secondo le quali i nazisti avrebbero ucciso Ebrei in camere a gas non sono migliori -- per quanto riguarda la loro fondatezza -- delle "prove" relative all'uccisione di Ebrei in camere a vapore, elettriche, e a vuoto d'aria, perciò ci sembra legittimo mettere in dubbio tali "prove".

Questo libro non costituisce una "revisione" della storia, ma piuttosto una semplice guida ad un materiale storico che è stato dimenticato. Le 312.022 dichiarazioni giurate autenticate che furono presentate dalla difesa al processo di Norimberga sono state dimenticate, ma le 8 o 9 dichiarazioni giurate dell'accusa che le avrebbero "confutate" tutte (IMT XXI 437 [483]), vengono ancora ricordate.

Questo libro contiene molti riferimenti alle pagine di atti processuali: non li adduciamo per confondere il lettore, per impressionarlo o per intimidirlo, né per dimostrare la veridicità delle dichiarazioni processuali, bensì semplicemente per aiutare il lettore interessato a reperire cose degne di nota. Sarà il lettore a giudicare se le argomentazioni della difesa sono più credibili delle "prove" dell'accusa, come ad esempio quella del sapone fabbricato con grasso umano (documento URSS 397), dei calzini fatti di capelli umani (documento URSS 511) o degli hamburgers di carne umana (processo di Tokio, prova n. 1873).


N.B.:

IMT = International Military Tribunal (il grande processo internazionale di Norimberga in quattro lingue)

NMT = National Military Tribunal (i 12 processi americani di Norimberga in inglese)

Salvo indicazione contraria, le pagine menzionate in questo libro si riferiscono all'edizione americana degli atti del IMT.

[ ] = impaginazione tedesca.

 

 

MARTIN BORMANN

Bormann fu accusato di "persecuzione della religione" e di molti altri gravi crimini. Il suo avvocato, il dott. Bergold, rilevò, alludendo all'Unione Sovietica, che molti paesi moderni sono apertamente atei, perciò le disposizioni che impedivano ai sacerdoti di accedere alle cariche del partito nazista non si potevano definire "persecuzione".

Il dott. Bergold aggiunse:

"Il Partito è descritto come un'organizzazione criminale, come una cospirazione. E' dunque un crimine impedire a certe persone di diventare membri di una cospirazione criminale? E' un crimine questo?" (V 312 [353]).

Furono presentati documenti nei quali Bormann non solo proibiva ogni forma di persecuzione religiosa, ma permetteva apertamente l'educazione religiosa (XXI 462-465 [512-515]). Un aspetto importante delle sue disposizioni in materia religiosa era che il testo biblico doveva essere utilizzato integralmente: amputazioni, manipolazioni o distorsioni del testo erano proibite. Inoltre le chiese ricevettero sussidi governativi fino alla fine della guerra. Le restrizioni relative alla stampa colpirono non solo i giornali religiosi, ma tutti i giornali, perché erano dovute alla scarsezza di carta durante la guerra (XIX 111-124 [125-139]; XXI 262-263, 346, 534, 539 [292-293; 383; 589; 595]; XXII 40-41 [52-53]).

L'avvocato di Bormann non ebbe difficoltà a dimostrare che il suo difeso non avrebbe potuto essere condannato secondo le leggi di alcun paese, perché gli stenografi non sono evidentemente responsabili di tutti i documenti che firmano. Non fu chiaro fino a che punto Bormann avesse agito come semplice stenografo o segretario, ma ciò per l'accusa fu irrilevante e Bormann fu condannato all'impiccagione. La sentenza doveva essere eseguita immediatamente, ignorando le esaurienti testimonianze secondo le quali Bormann era rimasto ucciso nell'esplosione di un carro armato; sarebbe stato molto difficile trovare un solo pezzo del suo corpo, e ancora più difficile impiccarlo! (XVII 261-271 [287-297]).

 

LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI

Le prove della difesa riguardo alle presunte "organizzazioni criminali" consistevano nelle testimonianze verbali di 102 testimoni e in 312.022 dichiarazioni giurate autenticate (XXII 176 [200]).

Il termine "criminale" non fu mai definito (XXII 310 [354]; vedi anche XXII 129-135 [148-155]). Non fu mai stabilito esattamente neppure quando queste organizzazioni sarebbero diventate "criminali" (XXII 240 [272-273]). Lo stesso partito nazista sarebbe diventato criminale fin dal 1920 (XXII 251 [285]) oppure dal 1938 (XXII 113 [130]) o addirittura mai (II 105 [123]).

Le 312.022 deposizioni giurate autenticate furono presentate a una "commissione", ma la trascrizione di queste testimonianze non appare negli atti del processo di Norimberga. L'Archivio Nazionale di Washington non possiede una copia delle trascrizioni delle testimonianze rese dinanzi a questa "commissione", non ne ha mai sentito parlare, non ne sa nulla e non è in grado di dire dove si trovino.

Delle 312.022 dichiarazioni giurate solo poche decine furono tradotte in inglese, perciò il Tribunale non poté leggerle (XXI 287, 397-398 [319, 439]).

Il Presidente del Tribunale, Sir Geoffrey Lawrence, non conosceva il tedesco, al pari del procuratore Robert Jackson.

A causa di un "cambiamento dei regolamenti" effettuato all'ultimo momento (XXI 437-438, 441, 586-587 [483-485, 488, 645-646]), molte altre deposizioni furono respinte per la loro presunta "non conformità" (XX 446-448 [487-489]).

La "commissione" preparò "sommari" che furono presentati al Tribunale (migliaia di dichiarazioni giurate che affermavano il trattamento umano dei prigionieri, ecc.). Questi "sommari" non furono considerati come prove. Il Tribunale promise di leggere tutte le 312.022 dichiarazioni giurate prima di pronunciare il verdetto (XXI 175 [198]), ma 14 giorni dopo fu annunciato che le 312.022 deposizioni non erano veritiere (XXII 176-178 [200-203]).

Allora si pretese che una sola dichiarazione giurata dell'accusa (documento D-973) avesse "confutato" 136.000 dichiarazioni giurate della difesa (XXI 588, 437, 366 [647, 483-484, 404]).

I 102 testimoni furono obbligati a presentarsi a testimoniare davanti alla "commissione" prima di presentarsi a testimoniare davanti al Tribunale. A 29 di questi testimoni (XXI 586 [645]), o, secondo un' altra fonte, a 22 (XXII 413 [468]), fu permesso di apparire davanti al Tribunale, ma le loro testimonianze non dovevano essere "cumulative", cioè essi non dovevano ripetere le deposizioni rese davanti alla "commissione" (XXI 298, 318, 361 [331, 352, 398-399]).

Indi si pretese che 6 dichiarazioni giurate presentate dall'accusa avessero "confutato" le testimonianze di tutti i 102 testimoni (XXI 153 [175], XXII 221 [251]).

Una di queste dichiarazioni era in polacco, perciò la difesa non poté leggerla (XX 408 [446]). Un'altra fu firmata da un ebreo chiamato Szloma Gol, che affermò di aver esumato e cremato 80.000 cadaveri, incluso quello di suo fratello (XXI 157 [179], XXII 220 [250]).

(Secondo l'edizione britannica degli atti del processo di Norimberga, il numero dei cadaveri esumati dal testimone fu di 67.000.)

Quando questa dichiarazione fu esibita, l'accusa aveva già terminato la presentazione delle prove (XX 389-393, 464 [426-430, 506]; XXI 586-592 [645-651]).

L'accusa affermò poi, durante la sua requisitoria finale, che nel corso del processo erano state presentate al Tribunale e prese in considerazione 300.000 dichiarazioni giurate, dando l'impressione che si trattasse di documenti dell'accusa (XXII 239 [272]).

In realtà, l'accusa finì il processo con non più di qualche dozzina di dichiarazioni giurate veramente importanti. Vedi ad esempio, XXI 437 [483], dove dall'accusa furono presentate 8 o 9 deposizioni contro 300.000 deposizioni della difesa; vedi anche XXI 200 [225]; 447-478 [528-529]; 585-586 [643-645]; 615 [686-687].

Nei numerosi processi relativi ai campi di concentramento -- ad esempio, al processo di Martin Gottfried Weiss -- si escogitò un espediente più conveniente. Un semplice impiego in un campo di concentramento, sia pure per qualche settimana, fu considerato la "prova" della cosidetta "conoscenza costruttiva del progetto comune".

Questo "progetto comune" non fu mai definito. Il termine "cospirazione" fu generalmente evitato al fine di semplificare la procedura processuale. Non era necessario menzionare eventuali maltrattamenti specifici, né dimostrare che fosse morto qualcuno in conseguenza di tali maltrattamenti. In questo processo, 36 dei 40 accusati furono condannati all'impiccagione.

Le trascrizioni delle testimonianze davanti alla "commissione" di Norimberga si trovano al Palazzo della Pace de L'Aia e riempiono per metà una cassaforte a prova d'incendio che si innalza dal pavimento fino al soffitto. La testimonianza di ciascun testimone fu dattilografata con una impaginazione che cominciava dalla pagina 1, poi ridattilografata con una impaginazione consecutiva che giunge a molte migliaia di pagine. La prima stesura e la copia riveduta di queste testimonianze sono state archiviate insieme in cartelle cucite con punti metallici, su carta fragilissima, con cuciture metalliche arrugginite. Non c'è alcun dubbio che questo materiale, a L'Aia, non è mai stato letto da nessuno.

Nelle perorazioni della difesa, il materiale concernente la testimonianza dei 102 testimoni è stato stampato in massima parte a caratteri piccoli nei volumi XXI e XXII degli atti del processo di Norimberga. I caratteri piccoli significano che questi passi furono cancellati dalle perorazioni della difesa (altrimenti, secondo l'accusa, il processo sarebbe stato troppo lungo). Tutto questo materiale, che ammonta a molte migliaia di pagine, è stato cancellato fino all'ultima parola dagli atti delle udienze pubblicati in Inghilterra. Nell'edizione americana, a pagina 594 del volume XXI, sono scomparse 11 pagine fra i paragrafi 1 e 2. Nella versione tedesca, queste 11 pagine appaiono alle pp. 654-664 del volume XXI. A parte ciò, sembra che le edizioni americana e tedesca siano più o meno complete.

Il materiale suddetto si riferisce ad esempio a questi argomenti:

Guerra totale XIX 25 [32]

Riparazioni XIX 224-232 [249-259]

Sindacati tedeschi XXI 462 [512]

Gestapo e campi di

concentramento XXI 494-530 [546-594]

Putsch di Röhm XXI 576-592 [635-651]

Notte dei cristalli XXI 590-592 [649-651]

"Umsiedlung" (trasferimento) XXI 467-469, 599-603

[517-519, 669-674]

SD (Servizio di Sicurezza) XXII 19-35 [27-47]

Armamenti XXII 62-64 [75-78]

Le 312.022 dichiarazioni giurate sono probabilmente conservate in qualche archivio tedesco.

La sentenza del processo di Norimberga appare due volte, nei volumi I e XXII.

E' molto importante procurarsi i volumi tedeschi e leggere in tedesco la sentenza nel volume XXII: le espressioni tedesche scorrette e gli errori di traduzione degli Americani sono stati migliorati con note a piè di pagina. Gli errori di tal fatta nei documenti si possono considerare come prove di falsificazioni.

In generale, i volumi tedeschi sono preferibili ai volumi americani. In tutti questi volumi frequenti note a piè di pagina avvertono il lettore delle traduzioni scorrette, dei documenti scomparsi, e delle falsificazioni (per esempio nel vol. XX 205 dell'edizione tedesca degli atti delle udienze: "Questa frase non appare nel documento originale.")

Gli atti delle udienze del processo di Norimberga in tedesco (22 volumi) sono disponibili in ristampa anastatica curata da Delphin Verlag München (ISBN 3.7735.2509.5); gli atti delle udienze e i documenti (42 volumi) sono disponibili in microfilm distribuiti dalla Oceana Publications (Dobbs Ferry, New York).

 

I DOCUMENTI

Secondo la versione corrente degli avvenimenti, gli Alleati avrebbero esaminato 100.000 documenti, tra i quali 1.000 sarebbero stati selezionati e presentati al Tribunale. I documenti originali sarebbero stati depositati al Palazzo della Pace de L'Aia. Tutto ciò è alquanto inesatto.

I documenti utilizzati come prove al processo di Norimberga erano, per la maggior parte, "fotocopie" di "copie". Molti di questi "documenti originali" erano scritti interamente su carta normale da persone sconosciute, senza alcuna intestazione stampata o contrassegno manoscritto. Occasionalmente, si trova una iniziale o una firma illegibile di una persona più o meno sconosciuta che asserisce di aver "autenticato" il documento come "copia conforme". Talvolta ci sono timbri tedeschi, talvolta non c'è niente. Molti documenti sarebbero stati "trovati" dai Sovietici, o "autenticati" da "commissioni sovietiche per i crimini di guerra".

Ad esempio, il volume XXXIII contiene 20 interrogatori o dichiarazioni giurate, 12 fotocopie, 5 copie non firmate, 5 documenti originali con firma, 4 copie di materiale stampato, 3 copie ciclostilate, 3 documenti telescritti, 1 copia di microfilm, 1 copia firmata da altri e 1 non specificata.

Il Palazzo della Pace de L'Aia possiede pochi documenti originali dell'epoca della guerra, se mai ne possiede qualcuno; esso ha molte dichiarazioni giurate rese nel dopoguerra, la trascrizione delle testimonianze rese davanti alla "commissione" del Tribunale e molto materiale importante della difesa; vi è inoltre conservato il "sapone umano", che non è mai stato sottoposto ad analisi chimica, nonché la "ricetta originale per la fabbricazione di sapone umano", che è un falso; ma, a quanto pare, non c'e nessun documento originale tedesco dell'epoca della guerra o anteriore. Il Palazzo della Pace possiede copie fotostatiche negative dei documenti processuali su carta fragilissima cucita con punti metallici. Per fotocopiare queste copie fotostatiche bisogna togliere le cuciture, poi, dopo la fotocopiatura, ricucirle con punti metallici, il che produce ulteriori forature. La maggior parte di questi documenti non sono stati fotocopiati con molta frequenza. Secondo i funzionari del Palazzo, sono rarissimi i visitatori che vogliono vedere i documenti.

L'Archivio Nazionale di Washington afferma che i documenti originali sono a L'Aia (vedi Telford Taylor, Use of Captured German and Related Documents. A National Archives Conference. National Archives, Washington D.C.). Il Palazzo della Pace, a sua volta, dichiara che i documenti originali si trovano all'Archivio Nazionale di Washington.

Anche l'Archivio di Stato di Norimberga e l'Archivio Federale di Coblenza non possiedono alcun documento originale del processo di Norimberga; essi asseriscono entrambi che i documenti originali sono a Washington. Dato che i documenti originali, nella maggior parte dei casi, non sono altro che "copie", molto spesso non c'è nessuna prova che i documenti in questione siano mai esistiti.

Il procuratore Robert Jackson iniziò il processo in modo impareggiabile, citando molti documenti falsificati o comunque senza valore, fra i tanti: PS-1947; PS-1721; PS-1014; PS-81; PS-212 (II, 120-142 [141-168]).

Il documento PS-1947 vorrebbe essere la "copia" di una "traduzione" di una "lettera" del generale Fritsch alla baronessa von Schutzbar-Milchling. Successivamente, la baronessa firmò una dichiarazione giurata nella quale affermò di non aver mai ricevuto la lettera in questione (XXI 381 [420-421).

Questa lettera fu riconosciuta falsa dal Tribunale durante il processo e non è inclusa nel volume dei documenti in cui dovrebbe apparire (vol. XXVIII 44).

Tuttavia, Jackson non fu ammonito dal Tribunale (XXI 380 [420]).

A quanto pare, gli zelanti Americani hanno falsificato 15 "traduzioni" di tali "lettere", dopo di che i "documenti originali" sarebbero tutti scomparsi misteriosamente (Telford Taylor, Use of Captured German and Related Documents).

Il documento PS-1721 è una falsificazione nella quale un soldato delle SA scrive a sé stesso un "rapporto" sul modo in cui avrebbe eseguito un ordine che è citato testualmente nel "rapporto" stesso. Le notazioni manoscritte alle pagine 2 e 3 sono falsificazioni evidenti delle notazioni a pagina 1 (XXI 137-141 [157-161]; 195-198 [219-224] 425 [470]; XXII 147-150, 148-150 [169-172]. Vedi anche: Testimony Before the Commission, Fuss, 25 Aprile 1946 e Lucke, 7 Maggio 1946. L'Archivio Nazionale di Washington possiede una "copia fotostatica positiva" del PS-1721, mentre il Palazzo della Pace de L'Aia ne possiede una "negativa". Il "documento originale" è una "fotocopia" (XXVII 485).

Il documento PS-1014 è un "discorso di Hitler" scritto da uno sconosciuto su carta non intestata, senza firma né timbro. Il documento è intitolato "Secondo discorso", sebbene sia noto che Hitler in tale data fece un solo discorso. Ci sono 4 versioni di questo discorso; 3 delle quali sono falsificazioni: PS-1014, PS-798, L-3. Esiste anche una versione autentica, Ra-27 (XVII 406-408 [445-447; XVIII 390-402 [426-439].

La terza falsificazione, il documento L-3, reca il timbro di un laboratorio "FBI"; esso non fu accettato dal Tribunale come prova (II 286 [320-321]), ma 250 copie di tale documento furono distribuite ai giornalisti come se fosse stato autentico (II 286-293 [320-328]).

Questo documento viene citato da A.J.P. Taylor a pagina 254 del suo libro "The Origins of the Second World War" (Fawcett Paperbacks, 2nd edition, with Answer to his Critics), che indica come fonte "German Foreign Policy, Series D vii, n. 192 e 193".

Il documento L-3 è all'origine di molte citazioni attribuite a Hitler, in particolare le seguenti: "Chi si ricorda oggi della sorte degli Armeni?", e "I nostri nemici sono dei vermi insignificanti. Li ho visti a Monaco." Secondo questo documento, "Hitler" si paragona a Genghis Khan ed esprime l'intenzione di sterminare i Polacchi e di dare a Chamberlain un calcio al basso ventre davanti ai fotografi. Sembra che il documento sia stato scritto con la stessa macchina da scrivere di molti altri documenti di Norimberga, incluse le altre due versioni dello stesso discorso. Questa macchina da scrivere era probabilmente una Martin delle "Triumph-Adler-Werke" di Norimberga.

Il documento PS-81 è una "copia conforme" di una "lettera non firmata", scritta su carta normale da uno sconosciuto. Se il documento è autentico, si tratta di una minuta di una lettera che non fu mai spedita. Questo documento viene invariabilmente definito una "lettera di Rosenberg", la qual cosa fu da lui negata (XI 510-511 [560-561]). Il documento è privo di firma, di sigla, dello spazio bianco per il numero di registrazione (un contrassegno burocratico) e non fu trovato fra i documenti del destinatario (XVII 612 [664]). Il PS-81 è una "fotocopia" presentata dai Sovietici con il numero URSS-353, XXV 156-161).

Il documento PS-212 fu scritto anch'esso da uno sconosciuto, interamente su carta normale, senza alcuna intestazione, annotazione manoscritta, senza data, firma, e senza timbro (III 540 [602], XXV 302-306; vedi anche le fotocopie delle copie fotostatiche negative del Palazzo della Pace de L'Aia).

Tutto ciò è tipico. Il documento PS-386, il "protocollo di Hossbach", un preteso "discorso di Hitler" del 5 novembre 1938, è una "fotocopia conforme" di una "copia conforme su microfilm" di una "copia conforme" ridattilografata da un americano, di una "copia conforme" ridattilografata da un tedesco, di "note manoscritte di Hossbach", mai aprovate da Hitler, di un "discorso di Hitler", scritte a memoria da Hossbach 5 giorni dopo. Questo non è uno dei documenti peggiori, ma dei migliori, perché sappiamo chi ha redatto una delle "copie". Il testo del documento PS-386 è stato "manipolato" (XLII 228-230).

Dunque, il "processo sulla base di documenti" funziona così: A, uno sconosciuto, ascolta delle presunte "dichiarazioni verbali" fatte da B; A prende appunti o redige un "documento" sulla base di queste presunte dichiarazioni verbali. Il documento viene poi presentato come "prova" non contro A, che ha fatto la copia, ma contro B, C, D, E, e una serie di altre persone, sebbene non ci sia niente per collegarle con il documento o con le presunte dichiarazioni. Poi si dichiara con disinvoltura, che "B disse", "C fece", o che "D e E sapevano". Tale procedura costituisce una violazione delle regole della produzione delle prove di tutti i paesi civili. I documenti non sono neppure identificati dai testimoni.

A Norimberga la falsificazione di documenti originali fu praticata raramente, perché i "documenti" non venivano portati alle udienze. Il "documento originale", cioè, la "copia non firmata" originale, veniva conservata in una cassaforte nel "Document Centre" (II 195 [224], 256-258 [289-292]).

Al Tribunale venivano presentate 2 (V 21 [29]) o 6 "fotocopie" della "copia" (II 251-253 [284-286]). Tutte le altre "copie" venivano ciclostilate utilizzando una matrice di ciclostile (IX 504 [558-559]).

Negli atti delle udienze, il termine "originale" viene usato nel senso di "fotocopia" (II 249-250 [283-284]; XIII 200 [223], 508 [560], 519 [573], XV 43 [53], 169 [189], 171 [191], 327 [359]) per distinguere le "fotocopie" dalle "copie ciclostilate" (IV 245-246 [273-274]).

Fin dall'inizio del processo furono disponibili "traduzioni" di tutti i documenti (II 159-160 [187-189], 191 [219-220], 195 [224], 215 [245], 249-250 [282-283], 277 [312], 415 [458], 437 482-483]), ma i presunti "testi originali" in tedesco non furono disponibili per almeno 2 mesi. Ciò vale non soltanto per i memoriali, gli atti d'accusa, le informazioni, ecc. del Tribunale stesso, ma per TUTTI I DOCUMENTI. Alla difesa non fu fornito alcun documento in tedesco prima del 9 Gennaio 1946, se non più tardi (V 22-26 [31-35]).

Fra i documenti che sembrano essere stati scritti con la stessa macchina da scrivere c'è anche il documento PS-3803, una "lettera" dell'imputato Kaltenbrunner al Sindaco di Vienna e la "lettera" di accompagnamento del Sindaco stesso alla "lettera di Kaltenbrunner" da lui inviata al Tribunale (XI 345-348 [381-385]). La "lettera" di Kaltenbrunner contiene un termine geografico falso (XIV 416 [458]).

 

 

KARL DÖNITZ

Dönitz fu condannato per "guerra sottomarina illegale" contro gli Inglesi. Nel diritto internazionale, tutto è basato sulla reciprocità e sulle convenzioni internazionali, che possono essere imposte soltanto con la reciprocità. In guerra, la migliore difesa contro un' arma è una forte controffensiva con la stessa arma. Gli Inglesi, grazie alla loro supremazia sul mare, combatterono le due guerre mondiali mediante blocco navale e il cosidetto sistema "Navicert". Tutte le navi neutrali venivano fermate con la forza in mare aperto e costrette ad entrare in porti britannici, dove erano ispezionate secondo formule complesse: se un paese neutrale importava più cibo, lana, cuoio, gomma, cotone, fertilizzante, ecc. della quantità ritenuta necessaria dagli Inglesi al suo consumo, si presumeva che la differenza fosse destinata alla rispedizione ai Tedeschi. Risultato: la nave e l'intero carico venivano confiscati e venduti all'asta, il che violava anche le clausole di tutti i contratti assicurativi marittimi britannici.

Negli anni 1918-19, il blocco fu mantenuto per otto mesi dopo la fine della guerra per costringere la Germania a ratificare il Trattato di Versailles, la qual cosa era una chiara violazione delle clausole dell'armistizio e di tutto il diritto internazionale. Mentre i politici temporeggiavano, centinaia di migliaia di Tedeschi morivano di fame. Hitler definì questo fatto "la più grande violazione di patti di tutti i tempi". Gli Inglesi sostennero che il blocco era legale, ma che era stato applicato in modo illegale (Encyclopaedia Britannica, ed. 1911. voce "Neutrality"; ed. 1922, voce "Blockade" e "Peace Conference").

I neutrali, inclusi gli Stati Uniti, si lamentarono di questa violazione della loro neutralità, ma vi si assoggettarono ugualmente, in violazione della loro neutralità. Una nazione che permette la violazione della propria neutralità può essere considerata belligerante.

La quinta convenzione de L'Aia del 18 Ottobre 1907 sui diritti dei neutrali non fu mai ratificata dagli Inglesi, ma le sue condizioni furono considerate obbligatorie per i Giapponesi e i Tedeschi nonostante una clausola di piena partecipazione; ciò significa che il trattato diventava nullo se un non firmatario partecipava al conflitto.

Nel 1939, i Tedeschi avevano soltanto 26 sommergibili adatti al servizio antlantico, la quinta parte della sola flotta sottomarina francese. Inoltre, i sommergibili tedeschi erano molto più piccoli di quelli di altre nazioni. Un controblocco contro l'Inghilterra era possibile soltanto diffidando i neutrali dal navigare nelle acque territoriali britanniche. Per gli Inglesi, questo era un "crimine".

Di questi 26 sommergibili, molti avevano bisogno di riparazioni continue, sicché ci furono mesi nei quali soltanto 2 o 3 erano in grado di navigare. E'ovvio che i sommergibili non possono eseguire le operazioni di arresto e di perquisizione come una nave di superficie. Un sommergibile, una volta emerso, è quasi completamente senza difesa contro la più piccola arma di un nave commerciale, per non parlare di radio, radar e aereoplani.

A Norimberga gli Inglesi pretesero che i Tedeschi avrebbero dovuto emergere, notificare alla nave la loro intenzione di perquisirla, attendere che la nave cominciasse le ostilità, indi affondarla, presumibilmente con le sole armi del ponte, poi prendere tutte le decine o le centinaia di superstiti a bordo del sommergibile (dove sarebbero stati molto più in pericolo che in un canotto di salvataggio) e infine trasportarli tutti a terra nel luogo più vicino. Ma se fossero arrivati aerei britannici e avessero affondato il sommergibile, uccidendo tutti i superstiti che erano stati presi a bordo, questi sarebbero stati considerati "assassinati dai Tedeschi".

Nessuna convenzione internazionale esige una tale procedura e nessun paese ha mai combattuto in questo modo. Poiché il salvataggio dei superstiti rappresentava un pericolo per il sommergibile e molto spesso aveva come conseguenza la perdita del sommergibile stesso e del suo equipaggio, Dönitz proibì qualunque atto di salvataggio. Ciò fu definito dagli Inglesi "un ordine di uccidere tutti i superstiti". Ma questa accusa non fu confermata nella sentenza.

Dönitz fu accusato anche di avere incoraggiato il popolo tedesco alla resistenza disperata, un crimine commesso anche da Winston Churchill. Dönitz replicò: "Era molto doloroso per noi che le nostre città fossero bombardate fino alla distruzione e che, a causa di questi attacchi continui, si perdessero molte vite. Queste perdite ammontano a circa 300.000-400.000 vittime, la maggior parte delle quali si ebbero nell'attacco alla città di Dresda, che non era giustificato dal punto di vista militare e perciò non poteva essere previsto.

Tuttavia questa cifra è piccola a paragone dei milioni di soldati e civili che avremmo perso all'Est se ci fossimo arresi durante l'inverno" (XIII 247-406 [274-449; XVIII 312-372 [342-406]).

 

HANS FRANK

Frank fu accusato di aver fatto centinaia di dichiarazioni antisemitiche nel suo cosiddetto "diario", un documento di 12.000 pagine. Il "diario" contiene soltanto una sola pagina firmata da Frank, e centinaia di dichiarazioni umanitarie, che furono ignorate (XII 115-156 [129-173]). Le dichiarazioni antisemitiche furono selezionate e stampate dai Sovietici in un documento molto breve, il PS-2233, che fu presentato al Tribunale e fu chiamato il "diario di Frank".

Il vero "diario" di 12.000 pagine consta di sommari (non di trascrizioni letterali o resoconti stenografici) di conferenze nelle quali molto spesso cinque o sei persone parlavano tutte insieme nello stesso tempo in circonstanze di grande confusione; non è chiaro a chi alcune dichiarazioni debbano essere attribuite (XII 86 [97-98]).

Frank aveva consegnato il suo "diario" agli Americani credendo che lo avrebbe discolpato: egli aveva protestato contro le illegalità di Hitler in discorsi pubblici a suo grande rischio e aveva tentato di dimettersi 14 volte (XII 2-114 [8-128]; XVIII 129-163 [144-181]).

Frank si convinse della realtà delle atrocità tedesche dopo aver letto alcuni articoli sul processo sovietico di Majdanek "nella stampa straniera" (XII 35 [43]). Auschwitz non era situato nel territorio sotto il controllo di Frank.

Frank considerava sua missione la creazione di una magistratura indipendente in uno stato nazionalsocialista, una missione che si rivelò impossibile. In un discorso di 19 Novembre 1941, egli disse: "La legge non può essere degradata fino a diventare un oggetto di commercio. La legge non può essere venduta. O esiste o non esiste. La legge non può essere commercializzata in Borsa. Se la legge non trova nessun aiuto, lo Stato perde il suo sostegno morale e decade nelle profondità della notte e del terrore."

Le illegalità di Hitler non giunsero mai alla promulgazione di una legge ex-post facto; in tre casi, le punizioni furono aumentate retroattivamente (XVII 504 [547]).

L'imputazione di "saccheggio di tesori d'arte" mossa a Frank sarà discussa nel paragrafo dedicato a Rosenberg.

 

WILHELM FRICK

Frick fu impiccato per la "germanizzazione" degli abitanti di Posen, di Danzica, della Prussia occidentale, di Eupen, di Malmedy, del territorio dei Sudeti, del territorio di Memel e dell'Austria. A eccezione dell' Austria, tutte queste regioni erano state in precedenza parti dell'impero prussiano, ma erano state tolte alla Germania dal Trattato di Versailles. La regione di Malmedy è francofona; tutte le altre sono germanofone. L'Austria non era riuscita a sopravvivere come unità economica indipendente dopo il 1919, e aveva chiesto di essere unita alla Germania per mezzo di un plebescito. I vincitori democratici risposero con la minaccia di bloccare ogni importazione di viveri (XVIII 55 [66], XIX 360 [397]).

Un altro presunto crimine imputato a Frick, secondo il "rapporto" di una "commissione per i crimini di guerra" cecoslovacca, fu l'uccisione di 275.000 malati di mente.

A Frick, come a Göring, fu attribuita la responsabilità dell'esistenza dei campi di concentramento. Nella sua difesa, si fece rilevare che l'"arresto preventivo" era anteriore all'assunzione del potere da parte dei nazionalsocialisti, sia in Germania sia in Austria, dove si chiamava "Anhaltehaft", e fu utilizzato per imprigionare migliaia di nazionalsocialisti (XXI 518-521 [572-576). L' "arresto preventivo" esiste tuttora in Germania, dove si chiama "U-haft".

Nella sentenza di uno dei più importanti processi per crimini di guerra celebrati a Dachau (Trial of Martin Gottfried Weiss and Thirty Nine Others, Law Reports of Trials of War Criminals, pubblicato dalle Nazioni Unite, vol. XI, p. 15), appare la frase seguente:

"Nel caso del campo di concentramento di Mauthausen ... le circonstanze fondamentali erano identiche -- sebbene il numero delle vittime fosse molto più elevato, a causa degli stermini in massa in una camera a gas -- "

Questa è forse una ammissione del fatto che a Dachau non esisteva alcuna camera a gas? Secondo i Law Reports of Trials of War Criminals, nessuno dei processi celebrati a Dachau ha mai "dimostrato" l'esistenza di una camera a gas a Dachau.

Al processo di Norimberga, una "copia conforme" della sentenza del "Trial of Martin Gottfried Weiss and Thirty Nine Others" con questa frase soppressa fu presentata al Tribunale come documento PS-3590 (V 199 [228]), insieme con altri tre documenti che asserivano stermini mediante gas a Dachau (documento 3249-PS; V 172-173 [198], XXXII 60; documento PS-2430, XXX 470; documento L-159, XXXVII 621).

Frick fu accusato dal firmatario della dichiarazione giurata concernente gli "stermini in massa mediante camera a gas a Dachau" (documento PS-3249, redatto dal tenemte colonnello Daniel L. Margolies, coinvolto anche nella falsificazione di tre discorsi di Hitler XIV 65 [77] e firmato dal dott. Franz Blaha) di aver visitato Dachau. Frick respinse quest'accusa e chiese di salire sul banco dei testimoni per deporre in propria difesa in presenza di Blaha.

Questa richiesta fu rifiutata. A quanto pare, Frick si rassegnò: non testimoniò mai. La perorazione del suo avvocato difensore appare nel vol. XVIII pp. 164-189 [182-211].

Il firmatario, il dott. Franz Blaha, un comunista, fu presidente dell'Associazione internazionale di Dachau nel 1961, pur avendo asserito di aver visto stermini in massa in una camera a gas e di aver fabbricato calzoni e altri articoli con pelle umana.

Il processo contro Martin Gottfried Weiss è disponibile in 6 bobine di microfilm (M1174) all'Archivio Nazionale di Washington, D.C. Gli elementi di prova preliminari relativi a una "camera a gas a Dachau" (rapporto, progetto, cipolla di doccia, [bobina 1]), non furono mai presentati davanti al tribunale di Dachau e sono scomparsi dagli elementi di prova processuali finali (bobina 4). La trascrizione delle udienze (bobine 2 e 3) non accenna mimimamente ad alcuna camera a gas a Dachau, ad eccezione di qualche frase della testimonianza del dott. Blaha (volume 1, pp. 166, 169). La pretesa "pelle umana" proveniva dai topi (volume 4, pp. 450, 462, 464).

 

HANS FRITZSCHE

Fritzsche si convinse, grazie ad una lettera che aveva ricevuto, del fatto che in Russia venivano commesse delle atrocità, e cercò di verificarlo, ma non riuscì a trovare alcuna prova (XVII 172-175 [191-195]).

Fritzsche è un testimone importante, perché nel suo caso si ammise che la stampa straniera faceva circolare numerose false notizie relative alla Germania (XVII 175-176 [194-196]; vedi anche XVII 22-24 [30-33]). Tuttavia questi stessi articoli di stampa e rapporti della radio costituivano quei "fatti generalmente noti" che non era necessario dimostrare (articolo 21 delle regole di prova, I 15 [16], II 246 [279]).

Nella difesa di Fritzsche si accennò al fatto che non esisteva nessuna convenzione internazionale che regolasse la propaganda o le storie di atrocità, vere o false che fossero, e che solo la legge di un solo paese (la Svizzera) proibiva di insultare i capi di Stato stranieri. Il fatto che Fritzsche non fosse colpevole di alcun crimine a Norimberga fu del tutto irrilevante, perché si ritenne indesiderabile celebrare un "processo" nel quale tutti gli imputati fossero dichiarati colpevoli. Nella contrattazione che precedette il giudizio finale, si decise che Fritzsche poteva essere assolto (XVII 135-261 [152-286; XIX 312-352 [345-388]).

 

 

WALTER FUNK

Funk era un pianista classico di famiglia molto rispettata, sposato da 25 anni all'epoca del processo ed ex redattore finanziario. Come la maggior parte degli imputati, Funk fu accusato di avere commesso "azioni immorali" che dimostravano la sua "partecipazione volontaria al progetto comune", come aver accettato regali da Hitler il giorno del suo compleanno -- ma è evidente che azioni di tal fatta non sono illegali.

Funk asserì che gli Inglesi e i Polacchi avevano cospirato per provocare la guerra con la Germania, credendo che i generali avrebbero rovesciato Hitler (XIII 111-112 [125-126]).

Funk fu accusato di avere cooperato con le SS all'uccisione dei prigionieri dei campi di concentramento per finanziare la produzione industriale durante la guerra coll'estrazione dei loro denti d'oro. I denti sarebbero stati conservati in una cassaforte della Reichsbank, insieme con corredi da barba, penne stilografiche, grandi sveglie e altra roba vecchia più o meno senza valore. La testimonianza di Rudolf Höss, secondo la quale i denti d'oro sarebbero stati fusi ad Auschwitz (XI 417 [460]), fu dimenticata.

Frank testimoniò che le quantità e i tipi di bottino erano "assurdi" e rilevò che le SS fungevano anche da polizia doganale, facendo rispettare le disposizioni relative al controllo del cambio, le quali proibivano, tra l'altro, qualunque forma di proprietà di oro, argento, monete o biglietti di banca stranieri. Era del tutto normale che le SS, come istituzione governativa, possedessero dei conti finanziari, e che questi conti contenessero anche oggetti di valore. Anche il popolo tedesco conservava i suoi oggetti di valore nelle casseforti della Reichsbank, alle quali essa non aveva accesso, perché si trattava di depositi di sicurezza privati.

Coll'intensificarsi dei bombardamenti, alle camere di sicurezza della banca furono affidati da cittadini privati tedeschi sempre più oggetti di valore. Alla fine, dopo un attacco che provocò seri danni alla banca, gli oggetti furono ritirati e depositati in una miniera di potassio in Turingia. Lì gli oggetti furono trovati dagli Americani, che falsificarono un film riguardo ad essi.

Funk e il suo avvocato dimostrarono la falsità del film escutendo un testimone ostile nella deposizione e nel controinterrogatorio forse più astuti di tutto il processo (XIII 169 [189-190], 203-204 [227-228, 562-576 [619-636]; XXI 233-245 [262-275]).

Presto fu demolita anche l'assurda dichiarazione giurata di Oswald Pohl (documento PS-4045), nella quale Funk fu accusato di avere discusso ad un pranzo, alla presenza di decine di invitati, perfino dei camerieri, dell'utilizzazione dei denti d' oro degli Ebrei massacrati per finanziare lo sforzo bellico (XVIII 220-263 [245-291]). Questa dichiarazione giurata fu redatta in tedesco e firmata da Robert Kempner come testimone. Pohl fu in seguito condannato per avere "ucciso Ebrei tramite vapore" in 10 "camere a vapore" a Treblinka, e di aver fatto zerbini con i loro capelli (NMT, processo di Oswald Pohl, IV, 1119-1152). A Norimberga Funk, al pari di altri coimputati, credeva che fossero stati commessi dei crimini, ma sosteneva di non saperne niente personalmente. Tuttavia il fatto che egli credesse alla realtà dei crimini non dimostra che questi crimini fossero reali.

 

KURT GERSTEIN

Kurt Gerstein viene citato molto spesso come "testimone" dell'olocausto, ma ciò non è esatto. Per "testimone" si intende normalmente qualcuno che abbia visto qualcosa e che appaia in tribunale per testimoniare sulla sua conoscenza personale, ma Gerstein non lo fece mai. Egli fu un firmatario non giurato, cioè il suo nome e cognome appare alla fine di una deposizione scritta a macchina in francese che non si sa se sia stata scritta da lui (documento PS-1553, rifiutato come prova al processo di Norimberga)

Questo documento, una delle sei versioni esistenti, venne rispinto al processo di Norimberga per motivi prettamente technici, in quanto un certo giuramento non venne prestato in modo appropriato (VI 333-334 [371-372], 362-363 [398-399]).

Una delle storie che circolano su Gerstein riferisce che egli avrebbe scritto la deposizione nella prigione parigina di Cherche-Midi e che subito dopo si sarebbe suicidato. Il cadavere sarebbe scomparso misteriosamente e senza traccia.

E' molto più probabile che la deposizione sia stata scritta in francese da un interrogatore-interprete ebreo-tedesco, e che alcune delle contraddizioni contenute nel testo (per esempio, l'inverno nel mese di agosto, o lo stare in macchina in una frase e in treno nella frase seguente) siano dovute a una trascrizione difettosa in forma di deposizione degli appunti dell'interrogatorio. Nei processi minori per crimini di guerra e in quelli giapponesi, tali dichiarazioni non giurate sono molto frequenti, secondo la teoria che esse hanno un "valore probante", ma meno "peso" delle dichiarazioni giurate. E'anche possibile che Gerstein sia morto a causa delle ferite che gli furono inflitte nel corso degli interrogatori; forse si impiccò con il nastro della macchina da scrivere.

Più tardi, questo documento fu citato per esteso al processo di Oswald Pohl, nel quale fu "dimostrato" che Treblinka, nello stesso campo e nello stesso tempo, aveva posseduto 10 "camere a gas" (1553-PS) e 10 "camere a vapore" (3311-PS).

 

G.M. GILBERT

Uno dei resoconti più noti riguardo al comportamento e alla psicologia degli imputati al processo di Norimberga è quello dello psicologo di origine tedesca G.M. Gilbert nel suo libro Nuremberg Diary. Molto di questo materiale consiste in "conversazioni" tenute dagli imputati o altre persone sia con Gilbert sia fra di loro stessi (!). Gilbert avrebbe poi scritto tutto a memoria. Tuttavia il confronto tra queste presunte "conversazioni" e gli atti delle udienze mostra chiaramente che gli imputati non parlavano nello stile attribuito loro da Gilbert. Egli non prendeva appunti e nessun altro era presente.

Coloro i quali credono che i documenti PS-1014, PS-798 e L-3 siano dei "discorsi di Hitler", almeno in confronto con il documento Ra-27, possono continuare a credere che il libro di Gilbert riporti le "dichiarazioni fatte dagli imputati al processo di Norimberga". Naturalmente, non è escluso che essi possano aver fatto delle dichiarazioni simili a quelle pretesamente "ricordate" da Gilbert.

Gilbert credeva che gli imputati avessero gasato milioni di Ebrei; se essi non si sentivano colpevoli, ciò dimostrava che erano "schizoidi". E'ovvio che tale convinzione da parte di Gilbert influenzava in una certa misura le sue percezioni e la sua memoria, anche se riferiva ciò che ricordava come verità. Se mentiva, non era l'unico "Americano" a Norimberga che lo faceva. Telford Taylor, per esempio, era incapace di ripetere fedelmente la dichiarazione più semplice (confronta le dichiarazioni del generale Manstein nel vol. XX 626 [681-682], con la "citazione" fattane da Taylor nel vol. XXII 276 [315]).

La migliore prova della disonestà di Gilbert è l'annotazione del 14 Dicembre 1945 che appare a p. 69: "Il maggiore Walsh continuò a leggere delle prove documentarie sullo sterminio degli Ebrei a Treblinka e ad Auschwitz. Un documento polacco dichiara: 'Tutte le vittime si dovevano togliere i vestiti e le scarpe, che poi venivano raccolti; indi tutte le vittime, per primi le donne e i bambini, venivano spinti nelle camere della morte... i bambini piccoli venivano semplicemente gettati dentro" (p. 69, prima edizione).

Queste "prove documentarie" sono semplicemente un "rapporto sui crimini di guerra" comunista, e le "camere della morte", naturalmente, sono delle "camere a vapore" (III 567-568 [632-633]).

 

 

HERMANN GÖRING

Göring fu accusato di aver creato il sistema dei campi di concentramento e di aver ordito una "guerra di aggressione" contro la Polonia. La sua linea difensiva fu che la Germania era uno Stato sovrano, riconosciuto da tutti i governi del mondo (XXI 580-581 [638-639]); che Hitler era stato eletto legalmente; che qualsiasi nazione ha il diritto di legiferare e di organizzare i suoi affari come meglio crede; che il generale von Schleicher aveva tentato di assumere illegalmente il potere, in violazione della costituzione, senza l'appoggio dei nazionalsocialisti; che la Germania nel 1933 era sull'orlo della guerra civile; che i campi di concentramento furono inventati dagli Inglesi durante la guerra dei Boeri; e che l'internamento degli stranieri e dei nemici politici era stato praticato anche dalla Gran Bretagna e dagli Stati Uniti durante seconda guerra mondiale.

(I campi di concentramento non furono inventati dagli Inglesi, ma dai rivoluzionari francesi per imprigionare i contadini monarchici ribelli della Vandea; si tratta dunque di una istituzione di alta stirpe "democratica").

L'ordine di creare i campi era incontestabilmente legale: esso era fondato su una disposizione d'urgenza della costituzione di Weimar e fu firmato da Hindenburg (decreto del Presidente del Reich dal 28 Febbraio 1933) in base all'articolo 48, comma 2, della costituzione di Weimar (XVII 535 [581], XIX 357 [394]).

Secondo un documento presentato dall'accusa R-129 (III 506-507 [565-566]), nel 1939, in tutti i campi di concentramento tedeschi, vi erano complessivamente 21.400 prigionieri; nello stesso periodo, nelle prigioni normali erano detenute 300.000 persone (XVII 535-536 [581-582, XX 159 [178]).

Un anno dopo la fine della guerra, 300.000 Tedeschi erano ancora detenuti nei campi d'internamento alleati in base alle clausole di "detenzione automatica" delle convenzioni alleate (per esempio, il punto B-5 dell'accordo comune di Potsdam) (XVIII 52 [62]).

La maggior parte dei prigionieri dei campi di concentramento tedeschi erano comunisti o criminali comuni (XVII 535-536 [581-582], XXI 516-521 [570-576], 607-614 [677-685]).

Durante la guerra, a causa del blocco alleato, il sistema dei campi di concentramento fu esteso per utilizzare la mano d' opera di cittadini di paesi nemici, criminali, testimoni di Geova e comunisti. Si rilevò che anche l'America aveva imprigionato 11.000 testimoni di Geova (XI 513 [563]).

La Gran Bretagna aveva fatto le due guerre in dispregio del diritto internazionale, riducendo la Germania e tutti i territori occupati alla fame per mezzo del blocco navale (XIII 445-450 [492-497]; XVIII 334-335 [365-367]). Proprio ciò aveva reso necessaria l'introduzione di requisizioni e del lavoro obbligatorio nei territori occupati, che era legale anche secondo l'articolo 52 della quarta convenzione de L'Aia sulla guerra terrestre del 18 Ottobre 1907;ciò rese le popolazioni dei territori occupati felici di poter lavorare in Germania e inviare i loro salari alle famiglie (fra 2 e 3 miliardi di marchi durante la guerra).

Gli "schiavi" pagavano tasse tedesche sui loro salari ed erano puniti con multe, che non potevano superare il salario di una settimana (V 509 [571]). In caso di gravi infrazioni disciplinari, potevano essere inviati in un campo di lavoro (ma non in un campo di concentramento) per un periodo che non poteva superare i 56 giorni (XXI 521 [575-576]). Era severamente proibito picchiarli o maltrattarli.

I prigionieri di guerra potevano essere rilasciati dai campi di concentramento offrendosi come lavoratori volontari per l'industria; in questo caso, erano trattati come qualunque altro lavoratore industriale (XVIII 496-498 [542-544]), ma perdevano la protezione garantita ai prigionieri di guerra dalla convenzione di Ginevra. Tuttavia essi non potevano essere costretti a lavorare nell'industria.

Il regime di Vichy in Francia ottenne la liberazione e il rimpatrio immediato di 1 prigionero di guerra per ogni 3 lavoratori inviati in Germania per lavorare con un contratto per un periodo di sei mesi (XVIII 497 [543]). Non era possibile violare la convenzione di Ginevra sui prigionieri di guerra costringendo i prigioneri di nazionalità francese, belga o olandese a partecipare alle ostilità contro i loro paesi, perché i loro paesi non combattevano più (XVIII 472-473 [516]).

Per quanto riguarda l' attacco contro la Polonia, la crisi polacca esisteva già più di un anno prima del patto Molotov-Ribbentrop e dell'attacco tedesco e sovietico. In tutto questo periodo, i Polacchi non fecero mai appello a una procedura imparziale di arbitrato internazionale, né alla Società delle Nazioni, perché non desideravano una soluzione giusta. Essi erano contenti di poter continuare a violare i loro accordi internazionali con l'espulsione di cittadini polacchi di origine tedesca, nonché di centinaia di migliaia di Ebrei (XVI 275 [304]).

Secondo molti imputati e testimoni della difesa, l'influenza degli Ebrei polacchi sulla Germania era stata la causa immediata dell' antisemitismo tedesco (XXI 134-135 [155]; XXII 148 [169]). Gli Ebrei polacchi erano stati implicati in numerosi scandali finanziari e progetti truffaldini, come l'affare Barmat-Kutiska (XXI 569 [627]).

Riguardo alla "cospirazione per fare la guerra in violazione del diritto internazionale", furono gli Inglesi ad agire così con i loro bombardamenti in massa delle città. I soldati tedeschi andavano in battaglia con istruzioni dettagliate, secondo le quali i beni privati dovevano essere rispettati, i prigionieri essere trattatti con umanità, le donne con rispetto, ecc. (IX 57-58 [68-69], 86 [100-101], XVII 516 [560]).

Le forze armate tedesche celebrarono molti processi con frequenti condanne a morte contro propri membri accusati di stupro o di saccheggio, anche se il valore degli oggetti rubati era insignificante (XVIII 368 [401-402], XXI 390 [431], XXII 78 [92]).

Secondo la convenzione de L'Aia, la requisizione della proprietà di un governo era legale. L'Unione Sovietica non aveva sottoscritto questa convenzione. Comunque nei paesi comunisti non c'era proprietà privata. Göring disse che era stato in Russia e che il popolo russo non aveva nulla che potesse essere rubato (IX 349-351 [390-393]).

Inoltre gli Alleati allora stavano facendo tutto ciò che rimproveravano ai Tedeschi (XXI 526 [581]; XXII 366-367 [418-420]).

Göring demolì l'accusa relativa agli "esperimenti medici in camere a pressione", dicendo che ogni aviatore doveva provare le sue reazioni alle alte quote; non c'era niente di sinistro in una cosiddetta "camera a pressione" (XXI 304-310 [337-344]). Gli Americani conducevano esperimenti medici mortali anche durante lo stesso processo di Norimberga (XIX 90-92 [102-104]; vedi anche XXI 356, 370 [393, 409]).

Il Tribunale asserì, non senza ironia, che la "guerra difensiva" comportava un attacco preventivo (XXII 448 [508]), oppure un attacco per proteggere i cittadini di un paese straniero dal loro stesso governo (XIX 472 [527]; XXII 37 [49]), ma ciò non valeva per i Tedeschi (X 456 [513]). Le obiezioni secondo le quali i Tedeschi avevano fatto proprio questo principio furono ignorate.

I Sovietici avevano concentrato 10.000 carri armati e 150 divisioni lungo la frontiera orientale della Polonia, aumentando il numero degli aereoporti nella loro zona di occupazione polacca da 20 a 100. Poi furono trovate carte geografiche dettagliate che non potevano servire per scopi puramente difensivi. Da parte tedesca si riteneva che attendere un attacco sovietico contro le zone petrolifere della Romania o quelle carbonifere della Slesia sarebbe stato un suicidio (XIX 13-16 [20-23], XX 578 [630-631]; XXII 71 [85]).

Sembra molto improbabile che delle nazioni con enormi imperi coloniali (la Gran Bretagna, la Francia) o che rivendicavano la sovranità su interi emisferi (gli Stati Uniti) potessero accordarsi su una definizione di "guerra aggressiva" che fosse attuabile nella pratica. Nella sentenza di Norimberga si ammise che i termini "difesa", "aggressione" e "cospirazione" non erano stati mai definiti (XXII 464, 467 [527, 531]). Sembra che la "guerra difensiva" non sia altro che il "bellum justum" medievale riciclato in un gergo liberale (IX 236-691 [268-782]; XVII 516-550 [560-597]; XXI 302-317 [335-351]).




Parte 1 - Parte 2 - Parte 3



Alcuni volumi dello processo di Norimberga se trovano -- in inglese -- sull'Internet..(www.yale.edu/lawweb/avalon/imt/imt.html) Anche un CD-ROM, con il processo completo, che se compra à l'Institute for Historical Review, PO Box 2739, Newport, Beach, CA 92659, Stati Uniti.


"Israele come stato ebraico costituisce un pericolo non solo per se stesso e per i suoi abitanti, ma per tutti gli ebrei e per tutti gli altri popoli e stati del Medio Oriente e anche altrove."

- Prof. Israel Shahak, ebreo israeliano e direttore della lega israeliana per i diritti umani e civili


Palestine banner
Viva Palestina!

Latest Additions - in Italiano

Intervista a Ahmed Rami
Giornale algerino "Le Jeune Indépendant" 

Introduzione a "Écrits révisionnistes"
Di Robert Faurisson

Milizie Ebraiche: Quindici anni (e piu') di Terrorismo in Francia
Di Robert Faurisson

Foto   

Pasque di sangue - Ebrei d'Europa e omicidi rituali    
Di Ariel Toaff


Iraq under Jewish occupation
Iraq - guerra e occupazione


Due pesi due misure: riconoscere il terrorismo dello Stato d'Israele

A Herzliya, Israele svela la sua strategia contro l'Iran
Di Thierry Meyssan

L'Olocausto allo scanner
Di Jürgen Graf

Mein Kampf - La mia battaglia
Di Adolf Hitler

"Perché gli arabi dovrebbero fare la pace? Se fossi un dirigente arabo non la firmerei con Israele. È normale: abbiamo preso il loro paese."

- David Ben-Gurion, Primo Ministro di Israele


Citazioni - sionismo

Storico israeliano afferma: Il popolo Ebraico e' un'invenzione

Memri selettivo
Di Brian Whitaker

Down with Zio-Apartheid
StopJewish Apartheid!

Lista degli ebrei influenti italiani
Il giudaismo in Italia 

Le vittorie del revisionismo
Di Professore Robert Faurisson

The Jewish hand behind Internet The Jews behind Google, Facebook, Wikipedia, Yahoo!, MySpace, eBay...

Le caricature di Maometto - Un altro stratagemma sionista inteso a generare odio contro i mussulmani

Uno sguardo sulla potente Lobby Ebraica - Di Mark Weber

The Founding Myths of Modern Israel
Garaudy: "I miti fondatori"


I miti fondatori della politica israeliana
Di Roger Garaudy

Misteri e Segreti del B'naï B'rïth

Citazioni dal Talmud ebraico

Reel Bad Arabs - Revealing the racist Jewish Hollywood propaganda

Rapporto Leuchter

The Founding Myths of Modern Israel
Shahak: "Storia ebraica"

Definiamo lo Stato d'Israele 
Di Israel Shahak

Protocolli di Sion

Videos - Importante collezione
 

Talmud unmasked
Citazioni dal Talmud ebraico

Il Talmud smascherato

Dopo Soros: “Lobby Ebraica”, un tabù infranto?
Di Manno Mauro

Caricature

Attivismo! - Partecipa alla lotta!